Progettazione arredo casa, da dove cominciare
La fase di progettazione dell’arredo di una casa è un passaggio importante, che ci aiuta a identificare lo stile che più ci piace e a trovare le soluzioni di arredo adatte per gli spazi.
progettazione arredo casa
18869
post-template-default,single,single-post,postid-18869,single-format-standard,bridge-core-3.0.5,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-29.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.10.0,vc_responsive
 

Progettazione arredo casa, da dove cominciare

progettazione arredo casa

Progettazione arredo casa, da dove cominciare

Quando arriva il momento di arredare casa nuova, è facile sentirsi sopraffatti o non sapere da dove cominciare.  

La fase di progettazione dell’arredo di una casa è un passaggio fondamentale, che ci aiuta a identificare uno stile e a trovare le soluzioni di arredo adatte per gli spazi.

In questo articolo, insieme ad Arredamenti Pugliesi, andremo a vedere alcuni degli step fondamentali di questo processo. Continua a leggere.

Le modifiche strutturali

La prima fase, prima di procedere con la progettazione dell’arredo, è valutare se possono essere necessarie eventuali modifiche strutturali. Se acquistiamo una casa costruita secondo le esigenze degli inquilini precedenti, alcune modifiche strutturali possono essere necessarie.

Per questo tipo di modifiche, si consiglia di rivolgersi a esperti del settore, per evitare di interferire con la struttura della casa.

Se scegliamo di creare un ambiente open space, per ingrandire gli ambienti della casa, potrebbe essere necessario buttare giù un muro. Se, al contrario, vogliamo chiudere gli spazi, possiamo ricorrere a un muro in cartongesso. Per evitare modifiche di questo tipo, possiamo ricorrere anche a mobili che delimitino gli spazi, come una libreria grande.

In ogni caso, con l’aiuto di un architetto, si parte realizzando una piantina della casa, per tenere conto della struttura preesistente e valutare gli spazi con misure precise.

Una volta valutate e realizzate tutte le modifiche strutturali necessarie, si può passare alla fase dell’arredamento.

Passo tre: arredare i mobili principali

Quando arrediamo casa, il primo passo è quello di scegliere uno stile di partenza, che vada incontro ai nostri gusti personali: moderno, classico, scandinavo, minimal. Ovviamente, lo stile è solo un punto di partenza, ma la nostra casa sarà poi personalizzata con tocchi di colore, mobili che hanno un valore affettivo o ricordi di viaggi.

Ma prima di pensare ai dettagli, bisogna pensare ai mobili principali. I primi in assoluto sono quelli che hanno bisogno di un collegamento ad un impianto, luce, gas o acqua. Il bagno è quindi una delle prime stanze di cui si sceglie l’arredamento ed è anche una di quelle su cui si investe di più, perché i mobili e i sanitari difficilmente verranno cambiati nel breve termine. Lo stesso vale per la cucina.

Facciamo ben attenzione a dove mettete i lavandini e il fornello. Allo stesso modo, non dimentichiamo che la lavastoviglie necessità dello scarico e che il frigorifero ha bisogno di spazio per potersi aprire per almeno 90° e ha quindi bisogno di alcuni centimetri di agio prima del muro.

Anche le luci giocano un ruolo fondamentale. L’illuminazione deve tenere conto della luce naturale che proviene dalle finestre e della posizione della casa rispetto al sole.

Una volta scelti i mobili più ingombranti e fissi, possiamo passare a quelli della camera da letto, della sala da pranzo e del salotto. Letto e per la camera da letto e un’eventuale cabina armadio, divano e libreria per il salotto, tavolo e sedie per la sala da pranzo.

Teniamo conto del fatto che i mobili principali dovranno essere scelti in base allo stile selezionato inizialmente, per fare in modo che ci sia coesione all’interno della casa. La fase di personalizzazione arriverà nella fase successiva, quando parleremo dei dettagli.

Dare vita alla casa

Una volta terminato il punto precedente la casa è abitabile, ma può risultare poco personale. È quindi giunto il momento aggiungere dettagli e complementi d’arredo, che la rendono nostra.

Questa è sicuramente la fase più lunga e spontanea. Infatti, non è necessario acquistare tutto subito, aggiungeremo i nostri tocchi personali con il tempo.

Ogni oggetto può essere un modo per personalizzare l’ambiente: dagli oggetti di uso quotidiano, come piatti e bicchieri, ma anche coperte e tappeti, ad oggetti di design, che hanno un valore affettivo ed economico. Le piante, inoltre, sono un ottimo modo per dare vita alla nostra casa, oltre a dare un tocco di colore e personalità.

Per consigli pratici sull’arredamento, contatta Arredamenti Pugliesi. Ti offriremo un supporto pratico per scegliere l’arredamento di casa tua.



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi